lunedì 14 luglio 2014

Lo stress nell'ambito del lavoro preoccupa anche te?

Ci sono parole che più di altre contraddistinguono un periodo storico o un certo tipo di società.
 
Se in questi ultimissimi anni (dal 2009 in poi) la parola crisi, ha certamento primeggiato per utilizzo e per rappresentatività, non possiamo dimenticare che da qualche decennio è la parola stress quella che più di ogni altra rappresenta il nostro mondo e il nostro modo di vivere moderno.

Stress, stressati, stressare sono parole che ormai escono dalle nostre labbra in continuazione.
 
E il mondo del lavoro è l'area della persona che più di ogni altra è interessata a questo fenomeno.

Siamo sicuri che se adesso ponessimo la prevedibile domanda tipo "C'è qualcosa nel tuo lavoro che ti causa stress?" oppure, più semplicemente, "Ti senti stressato riguardo al lavoro?" il numero di risposte affermative sarebbe quasi pari alla totalità.
Trovare qualcuno che non si senta stressato è probabilmente facile quanto farsi una nuotata da Genova a Palermo.

Ma la parola stress è quantomai vaga. Non è chiara come "mal di denti", concetto sul quale è facile trovare una convergenza.
 
Capiamo solo che stress sia qualcosa di indesiderabile. Sappiamo che il legislatore ha imparato a tenerne conto promulgando varie leggi che ne parlano. Constatiamo che la medicina stessa ha ormai riconosciuto l'influenza dello stress sulla salute fisica e mentale dell'individuo.....
Ma cosa esattamente sia lo stress non è ancora stato definito. O, meglio, non vi è accordo collettivo su cosa esso sia e come funzioni.

Qualcuno imputa la presenza dello stress alla presenza di problemi sul posto di lavoro. Per chi la pensa in questo modo, l'unica soluzione per non essere stressati quando si lavora è quella di non avere mai problemi..... Alquanto difficile nella realtà pratica della quotidianità!
Sarebbe un pò difficile immaginare di lavorare in un mondo perfetto in cui MAI niente va fuori posto o fa sorgere problemi.
 
Quindi questo tipo di definizione è assolutamente non funzionale e sbagliata.

Qualcun altro parla di stress indirizzandosi alla quantità di problemi. Quando sono troppi, si comincia ad essere stressati. La soluzione, in questo caso, è quella di ridurre il numero di problemi entro una soglia accettabile. E' un concetto già più funzionale ma rimane il problema di comprendere quale sia la soglia di problemi accettabile. Quando qualcosa è troppo?
 
Appare evidente che questo valore sia diverso da individuo a individuo.
Se ci guardiamo intorno ci sono persone che si stressano per poco e persone che devono accumulare una gran quantità di situazioni spiacevoli o problemi prima di cominciare a sentire lo "stress".

Resta il fatto che senza una buona definizione di stress, facciamo fatica a capire il fenomeno.

Possiamo definire quindi lo stress come sensazione di essere in grado di occuparci di qualcosa e di essere preoccupati delle possibili conseguenze.
 
Ciò è vero al punto che se non riusciamo a trovare dei modi per risolvere le situazioni negative o ciò che deve essere gestito, l'unica via di fuga possibile è quella di diventare completamente irresponsabili sulla cosa. In questo modo riusciamo a "scamparcela" dallo stress.
 
Lo stress è fondamentalmente pressione. Il significato originale della parola (in inglese) è questo: pressione, sforzo, spinta......
 
Quindi adesso lo stress è diventato lo stato d'animo di chi riceve una pressione. Se si è schiacciati, premuti, spinti da qualcosa insorge lo stress!
 
Da ciò ne deriva che lo stress ha sempre origine dal nostro ambiente (fattore esterno).
Qualcosa al di fuori di noi ci preme o ci sollecita e crea una reazione da parte nostra, che è tanto più negativa tanto più non c'è la nostra consapevolezza di sapere cosa fare a riguardo.
Ma, d'altro canto, una sollecitazione esterna può arrivare senza che dentro di noi scatti una sensazione particolare di disagio. In realtà moltissime persone hanno grandissime capacità di occuparsi di problemi o situazioni negative intorno a se. Quindi è evidente che la situazione di pressione esterna da sola non basta a spiegare l'insorgere dello stress (fattore interno).

E' la consapevolezza di non essere capaci di occuparsi di qualcosa ha generare una situazione di disagio. Che se non risolta continua a rimanere stagnante nei pensieri di un individuo creando una sorta di continua "pressione" (appunto!) con conseguenze spiavevoli nello spirito, nella mente e nel corpo.
 
La soluzione prospettata da molti è DIMINUIRE le pressioni esterne (occuparsi quindi del fattore esterno dello stress...:). Ma è una soluzione temporanea e non molto funzionale. Perchè per diminuire una pressione esterna, fuggire o ignorare non è qualcosa di fattibile. Creerà maggiori guai.
 
Sarebbe come avere una diga con una falla. Pensare che ignorando il problema questo smetterà di disturbarci ci porterà in modo inevitabile ad un disastro maggiore da lì ad un certo tempo. Ciò che può variare è solo la quantità di tempo che ci separa dal disastro.

La vera soluzione è, quindi, unicamente aumentare la propria capacità di resistere alle pressioni e occuparsi con successo degli elementi della vita e, in questo caso, del nostro lavoro.
 
E nel lavoro di ognuno non ci sono solo i fattori specifici della propria professione. Ma ci sono anche altri elementi come il saper comunicare, il saper vendere, il saper lavorare in gruppo, il saper riconoscere le persone produttive da quelle che non lo sono, il saper stimolare la domanda dei propri prodotti/servizi e altro ancora.
 
Se sei un falegname, non basta sapersi occupare con successo di colle, legno, scalpelli e viti. Bisogna sapersi occupare con successo dei collaboratori, del mercato, delle comunicazioni, della pubblicità, dei rapporti con le banche, della soddisfazione dei clienti, etc.....

La Learning School offre i propri strumenti per aumentare la propria capacità di occuparsi con successo degli elementi del proprio lavoro.
 
Così facendo si può imparare a gestire di più e meglio. E così facendo ci si rende più forti rispetto alle pressioni esterne.
 
E così abbiamo meno stress e più produzione, più guadagni e più qualità della vita.

Contattaci per saperne di più.
Grazie per l'attenzione.

Nessun commento:

Posta un commento